top of page

domande frequenti

PRIMA DELL'ACQUISTO

01/

Come funziona il montascale

Tutti i nostri montascale  sono  alimentati a batteria, sono quindi totalmente autonomi ed anti black out, questa caratteristica è fondamentale per assicurare la massima sicurezza e la massima efficienza salvaguardando il funzionamento  anche in assenza della fornitura elettrica. Le batterie si auto ricaricheranno al termine di ogni utilizzo per garantire la massima autonomia.

02/

Serve una presa di corrente

Per ricaricare le batterie del montascale serve una presa di corrente o all’inizio o alla fine della scala, è sufficiente una comunissima presa di corrente da 10 Ampere  ( quella con i buchi piccoli per intenderci  ) che verrà utilizzata per connettere un piccolo alimentatore del tutto simile a quello dei PC portatili. Questa presa di corrente dovrà essere “dedicata” al montascale , ciò significa che l’alimentatore non dovrà mai essere disconnesso e dovrà restare disponibile per ricaricare automaticamente le batterie ogni qual volta sia necessario.

03/

Quale assorbimento elettrico produce il montascale

Il montascale  assorbe potenza per effettuare la ricarica delle batterie. La ricarica delle batterie è fatta tramite un trasformatore di corrente che commuta la tensione di 220 V in bassa tensione a 27 V con un assorbimento di circa 14 W

04/

Come viene fissato sulla scala

La rotaia del montascale  è autoportante, a differenza di quanto viene immaginato normalmente  è totalmente svincolata dal corrimano, va in appoggio sul gradino e deve essere fissata per garantire la massima stabilità. Esistono varie tipologie di fissaggio, quella standard è a terra sul gradino,  sulla base del piede di appoggio ci sono delle predisposizioni, viene forato il gradino . I piedini del montascale hanno una frequenza costante ed una distanza media di 2/3 gradini. Alternativamente è possibile fissare la rotaia del montascale senza rovinare il gradino e se le condizioni ce lo permettono è possibile fissare il supporto della rotaia nel muro oppure nello zoccolo della scala.

05/

Per installare il montascale mi rovinate la scala

La rotaia del montascale per assicurare la massima stabilità e sicurezza ha la necessità di essere fissata in maniera adeguata, questo presuppone che il fissaggio debba essere realizzato tramite tasselli meccanici.   Normalmente i supporti della rotaia vengono fissati a terra e in questo caso il gradino viene interessato da fori normalmente di 8 mm di diametro. Alternativamente è possibile fissare la rotaia del montascale senza rovinare il gradino e se le condizioni ce lo permettono è possibile ancorare il supporto della rotaia nel muro oppure nello zoccolo della scala dove il ripristino del foro è di più semplice realizzazione e con un po' di stucco e vernice la parte precedentemente forata ritorna come nuova.

06/

Tempi di installazione

La tempistica di installazione di un montascale  dipende dalla lunghezza e dalla conformazione dell’impianto, si parla comunque di una posa dell’impianto che viene fabbricato in moduli su misura in azienda e una volta sulla scala viene assemblato. L’installazione dura comunque anche nei casi più complessi al massimo una giornata .

07/

Come funziona la garanzia

La garanzia sui montascale  è di 24 mesi su tutte le parti e include sia i pezzi  di ricambio che l’uscita del tecnico, quest’ultimo aspetto non è banale perché il più delle volte viene dato per scontato ma 99 volte su 100 non è così, e se pure l’intervento è in garanzia viene richiesto il diritto di uscita. La garanzia ricopre i difetti del montascale, ad eccezione di quelli causati dal dolo o dall’uso improprio. Il display diagnostico del montascale permette di avere delle informazioni storiche sull’uso del montascale utili a stabilire la causa e la risoluzione del problema occorso.

08/

come funziona l’assistenza

Ad ultimazione impianto vengono rilasciati i documenti di consegna e collaudo del montascale, unitamente vengono rilasciati i riferimenti telefonici  diretti del tecnico. Per attivare l’assistenza è necessaria una semplice telefonata . Un altro riferimento è il nostro sito, così da  non rimanere mai solo e per garantire un’assistenza organizzata e puntuale.

09/

quale è la velocità di funzionamento

La velocità di funzionamento del montascale è regolabile, per assicurare un funzionamento confortevole durante il tragitto anche nei punti critici del percorso, per esempio sulle curve o nei cambi di pendenza  impegnativi. La velocità di funzionamento massima è comunque stabilita dalla normativa e non può essere superiore ai  15 cm al secondo, con funzionamento a uomo presente.

10/

regolazione della velocità

La velocità di funzionamento del montascale   può essere impostata in 4 differenti modalità che vengono programmate in base alle esigenze del cliente e in base alla conformazione del percorso per garantire comfort durante il movimento e la massima stabilità.

11/

Sistemi di sicurezza

Il montascale  ha numerosi sistemi di sicurezza che servono ad evitare pericoli che possono succedere durante il funzionamento, per esempio ha un sensore che monitora la velocità di funzionamento e lo blocca istantaneamente qualora si sorpassi il limite impostato e previsto dalla norma, ha sensori di sicurezza che evitano il pericolo di schiacciamento qualora il montascale dovesse accidentalmente collidere con qualsiasi cosa sulla scala, ha sensori di sicurezza che inibiscono il funzionamento dei comandi direzionali quando l’utilizzatore è in posizione di sbarco ecc.

12/

dove può sostare il montascale

Il montascale è composto principalmente da due parti, la rotaia che è fissa e ingombra la scala e la poltroncina che scorre sul binario, di norma il montascale viene predisposto di due fermate all’inizio e alla fine della rotaia e nel limite del possibile il consulente  tenta di studiare la conformazione di rotaia che permette di parcheggiare la poltroncina dove non da fastidio. E’ comunque possibile prevedere la fermata della poltroncina montascale dove si vuole lungo il percorso predisponendo le fermate in qualunque punto si necessita.

13/

che portata ha il montascale

La portata dei nostri montascale dipende dlla tipologia di impianto  nella versione standard ha portata fino a 120 Kg  e nella versione HD con portata fino a 160 Kg le piattaforme portano fino a 250 Kg, esteticamente tra le  soluzioni cambia la frequenza dei supporti a terra e nella versione con portata maggiorata avremo una maggiore quantità di supporti a terra.

14/

larghezza minima di scala

La larghezza minima di scala per il passaggio di un montascale a poltroncina  è 62 cm. Per una piattaforma si parla di larghezza minima 100 cm .

Questo è un dato da prendere con le pinze perché la fattibilità del passaggio della  deve essere sempre valutata attentamente contestualizzando vari fattori e non può essere considerato il solo dato relativo alla larghezza minima di scala.

15/

rotaia monotubo o doppio tubo

I montascale  vengono realizzati con due tecnologie costruttive differenti, perché rispondono ad esigenze tecniche ed estetiche differenti. Il montascale con rotaia a doppio tubolare ha la caratteristica di avere un ingombro di rotaia ridotto di 14 cm, offre la massima stabilità, a discapito però dell’impatto estetico maggiore . Il montascale  con rotaia mono tubolare  ha un impatto estetico migliore, a discapito dell’ingombro  di rotaia maggiore. 

16/

servoscala e montascale

Un servoscala porta carrozzine ha un principio di funzionamento simile al montascale a poltroncina , però è sovradimensionato rispetto alla struttura della poltroncina perché è concepito per il trasporto di persona su carrozzella. Queste due tipologie di montascale non sono compatibili e non sono intercambiabili, cioè la rotaia del montascale a poltroncina non può essere utilizzata successivamente per installare un montascale porta carrozzine, sono due cose diverse e ben distinte. Il montascale portacarrozzine risponde ad una esigenza differente rispetto alla poltroncina e necessita di larghezze di scala minime di oltre 1,05m per essere installato.

DOPO L'ACQUISTO

01/

posso evitare che gli altri inquilini lo usino

Il montascale  è dotato di una chiave , utile ad inibire il funzionamento del comando a bordo macchina specialmente in contesti condominiali ogni inquilino che ha partecipato alla spesa verrà dotato di una copia della chiave e di quanti telecomandi necessita per il richiamo al piano. Il telecomando essendo personale comanda sempre la poltroncina anche se la chiave sotto è spenta, una volta che la macchina è arrivata al piano se l’utente vorrà comandare il funzionamento della poltroncina con il comando a bordo macchina dovrà inserire e girare la chiave, altrimenti una volta seduto potrà continuare a muovere il montascale attraverso il telecomando in dotazione.

02/

come faccio a richiamare il montascale

Il montascale  può essere comandato a distanza grazie all’uso di un telecomando, con funzionamento a uomo presente, quando si necessita di utilizzare il montascale e quest’ultimo non si trova al piano, l’utente deve pigiare il tasto sul telecomando e mantenerlo premuto costantemente fino che la poltroncina non si fermerà autonomamente al piano da cui  si vuole partire.

03/

montascale condominiale

Per installare il montascale  nelle parti comuni di un condominio è necessario ottenere l’autorizzazione da parte degli altri condomini, prima dell’acquisto è quindi opportuno coinvolgere l’amministratore di condominio per ottenere il consenso dell’assemblea, oppure in assenza dell’amministratore è opportuno farsi rilasciare un consenso scritto da parte dei comproprietari. E’ opportuno sottolineare che gli altri condomini non sono per alcun motivo obbligati a partecipare alla spesa. Se chi ha deciso di acquistare il montascale è in possesso di una certificazione di invalidità, secondo quanto previsto dalla l.13 del 1989 in materia di abbattimento delle barriere architettoniche, si ha il diritto ad installare il montascale informando preventivamente gli altri condomini, che comunque non hanno la facoltà di opporsi alla decisione del disabile, in questo caso però se i condomini lo chiedono il disabile si deve impegnare sin da subito, una volta venuta meno l’esigenza del montascale di disinstallarlo a proprie spese.   

04/

costo del montascale

I montascale , sono manufatti che richiedono molte ore di lavoro e un livello di specializzazione elevato, perché ogni singolo passaggio di produzione della rotaia è fatto a mano attraverso delle procedure non standardizzabili. L’unica maniera di effettuare un lavoro fatto bene è lavorare su misura, si rilevano le caratteristiche della scala, si realizza un progetto ad hoc e un team di persone esperte partendo dai tubi di acciaio grezzi deve realizzare la rotaia piegando i tubi e assemblandoli come da progetto. Una volta prodotta la rotaia viene pre assemblata in fabbrica e testata per assicurarsi che il funzionamento sia lineare e tutto sia perfetto, dopodichè il montascale arriva a casa del cliente dove verrà posato e messo in funzione. Tutto questo processo richiede molte ore di lavoro di personale qualificato, per raggiungere il risultato ottimale, un montascale su misura per ogni tipo di scala.

05/

montascale usato

La rotaia dei montascale a poltroncina è fatta su misura, mentre la poltroncina può essere riutilizzata, pertanto  smontiamo gli impianti e ritiriamo le poltroncine su richiesta dei  Clienti. Queste poltroncine possono essere ricondizionate e rivendute con garanzia, unitamente ad una rotaia nuova prodotta su misura. Chiedi al consulente se sei interessato a questo servizio, che permette un notevole  risparmio sul prezzo di acquisto.

06/

sgravi fiscali per l’acquisto del montascale

Per l’acquisto del montascale esiste la possibilità di fruire di varie tipologie di sgravi fiscali, visita la sezione Agevolazioni dedicata del nostro sito dove potrai trovare ulteriori dettagli in merito a chi ne ha diritto e sulle regole da sapere. Il consulente  sarà lieto di poter scendere nel dettaglio e darti consigli mirati.

07/

contributi statali

Per l’acquisto del montascale esiste la possibilità di fruire dei contributi statali che risultano essere cumulabili agli sgravi fiscali, visita la sezione Agevolazioni dedicata del nostro sito dove potrai trovare ulteriori dettagli in merito a chi ne ha diritto e sulle regole da sapere. Il consulente  sarà lieto di poter scendere nel dettaglio e darti consigli mirati.

08/

detrazioni fiscali in condominio

Se il montascale viene fatturato al condominio e pagato dall’amministratore del condominio, la detrazione per ristrutturazioni edilizie/abbattimento barriere architettoniche compete al singolo condomino in proporzione alle proprie quote millesimali. Alla fine dell’anno l’amministratore rilascia una certificazione che attesta quanto spetta ad ogni singolo condomino come detrazione da indicare nel modello 730.

09/

fruire dei contributi statali per l’abbattimento delle barriere architettoniche

I contributi statali vengono gestiti per conto della regione attraverso il comune,  dove andrà protocollata in marca da bollo domanda di richiesta scritta per il contributo  con allegati una serie di documenti tra cui il preventivo di spesa, una certificazione medica ecc. Il comune a seguito di verifiche risponderà dando il benestare a procedere con i lavori. Al termine dei lavori il cliente porterà le fatture quietanzate al comune che provvederà a passarne comunicazione in regione che provvederà all’erogazione dei fondi. I consulenti  saranno lieti di potervi seguire e vi daranno istruzioni per il corretto svolgimento della domanda di richiesta.

bottom of page